L' AZIENDA

L'ALLUMINIO

PRODOTTI

PROMOZIONI

DOVE SIAMO

CONTATTI

ASSISTENZA

LINK


Vetri artistici a fusione

VETRI ARTISTICI DECORATI

I vetri artistici a fusione si ottengono tramite un processo denominato Vetrofusione.

LA VETROFUSIONE

La Vetrofusione è un delicato processo "Termico" consistentente nel portare gradualmente una lastra di vetro, posta su un piano di materiale refrattario all'interno di uno speciale forno elettrico o a gas, alla temperatura di "Fusione" (circa 820 Gradi Centigradi) e poi di ricondurla, ancor più lentamente, alla temperatura ambiente.
Il ciclo completo di riscaldamento e raffreddamento in forno della lastra di vetro dura dalle 8 alle 12 ore in funzione delle sue dimensioni, del tipo di vetro, del suo spessore e dei risultati estetici che si vogliono ottenere.

Quali vetri posso fondere?

In teoria TUTTI I TIPI VETRO, sia in lastra che sotto forma di oggetti come una bottiglia, possono essere fusi (sarebbe meglio dire rifusi) mettendoli in un apposito Forno e portandoli alla corretta Temperatura di Fusione con il corretto Ciclo di Riscaldamento / Raffreddamento.
Temperatura e Ciclo variano in funzione del tipo di vetro e del suo spessore.
Limitandosi a tener conto del solo vetro in lastra, è importante, dal punto di vista della Vetrofusione, considerare il metodo con cui la lastra stessa è stata prodotta perchè esso determina la sua Compatibilità, cioè la possibilità di fondere insieme due o più pezzi di vetro, sovrapposti, non appartenenti alla stessa lastra.

I Metodi di Produzione del Vetro in Lastra sono sostanzialmente tre:


1) METODO "FLOAT"
E' il Processo Industriale di produzione del vetro per eccellenza: più del 90% del vetro in lastra è prodotto, a livello mondiale, con questo metodo. Il vetro Float, nelle versioni Standard ed Extra-Chiaro, è incolore ma esistono anche vetri Float in alcuni colori (pochi e non troppo belli).


2) METODO "TIRATO"

Era il processo industriale usato prima dell'avvento del Metodo "Float" (fine anni '50).
Oggi è ancora applicato, in Cina e altri Paesi in via di sviluppo, per produrre vetri in lastra per finestre, ecc. ma il suo impiego più interessante consiste nella produzione di vetri "decorativi" incolori (quasi tutti i vetri "Stampati"), colorati (ad esempio il classico Vetro "Cattedrale" ed altri più pregiati) e di alcuni vetri speciali (Retinati, U-Glass, ecc.).


3) METODO "SOFFIATO"
E' il metodo "artigianale" ancora usato da alcune piccole / medie vetrerie "artistiche" per produrre lastre con colori molto belli ed effetti particolari. Consiste, per il metodo più tradizionale, nel "soffiare" un lungo cilindro di vetro che, ancora allo stato pastoso, viene tagliato longitudinalmente e spianato in lastre.

 

Questi tre metodi, molto diversi tra loro, danno origine a tre Famiglie di Vetri in Lastra che si differenziano anche per il loro Coefficiente di Dilatazione. Ciascuna singola lastra o pezzo di vetro, indipendentemente dal metodo con cui è stato prodotto, può essere fuso ma per poter fondere insieme due o più pezzi di vetro, senza che si rompano durante il processo di Vetrofusione,
è necessario che essi siano "Compatibili" cioè che appartengano alla stessa Famiglia: tutti "Float", tutti "Tirati", tutti "Soffiati".

Questa condizione è sufficiente per il vetro Float, perchè il procedimento di fabbricazione è sempre rigorosamente lo stesso, ma non per tutti i vetri "Tirati" o "Soffiati". Prima di poter fondere fra loro vari vetri "Tirati" è indispensabile testarli, cioè fondere dei piccoli campioni e vedere cosa succede; lo stesso vale anche per i vetri "Soffiati".

Il vetro Float è proprio quello meno usato per la Vetrofusione, questo perchè le sue versioni colorate sono pochissime e i colori non sono belli. Recentemente, per ovviare a questa mancanza di colori, sono stati messi in commercio dei sottili vetri Float (2 mm di spessore) colorati in superficie, non quindi nella loro massa come i veri vetri colorati, con pigmenti resistenti alla Temperatura di Fusione.
Questi vetri "Placcati" sono disponibili in una vasta gamma di colori ed effetti e vengono fusi sovrapponendoli ad una lastra di vetro Float.
Sono vetri abbastanza costosi ma poco "pregiati" e quindi servono principalmente per fondere oggettistica venduta a prezzi bassi. Infatti la base di vetro Float incolore, da 3 o 4 mm di spessore, è molto più economica di una base in vetro "Tirato" o "Soffiato".
Le " Vetrate artistiche " in Vetrofusione, di qualità, non vengono praticamente mai eseguite con il vetro Float perchè queste vetrate sono sempre realizzate con una grande profusione di colori.
In realtà usando il solo vetro Float incolore, magari in versione Extra-Chiaro, e ricorrendo a stampi, trame, sbalzi e sovrapposizioni di altri vetri Float, sempre incolori, si possono ottenere delle vere e proprie opere artistiche. Il decoro delle Vetrate Artistiche può essere "COMPENSATO", ovvero a intarsio, e ricoprire tutta la superficie del vetro di base oppure "DISCRETO", cioè a zone, e risultare in rilievo, di circa 2 - 3 mm, rispetto alla lastra di base.

 


Qui di seguito vi presentiamo una piccola parte del nostro vasto catalogo:

cod.7B
cod.18B
cod.21B
cod.3B
cod.22B
cod.23B
cod.4R
cod.19B
cod.20B
cod.1B
cod.8R
cod.2B
 
cod.3R
cod.7R
cod.10R
cod.10R
cod.11R
 

Google

 

GATTINO ALLUMINIO DI GATTINO ELIO - VIA BRA 26A - 12030 CAVALLERMAGGIORE - Cuneo - Italia

PARTITA IVA 02864350042

TELEFONO 0172 381162 - INTERNET: E-MAIL commerciale@gattinoalluminio.it

Copyright / Privacy